Merda di piccioni sui tetti

Uomo anziano pulisce il tetto dalla merda dei piccioni
I veri padroni di Figline nel Valdarno sono i piccioni. Stanno di preferenza sui tetti perché lì si sentono sicuri, ma scendono a terra alla ricerca di cibo. Non disdegnano neanche i balconi delle abitazioni e in breve qualunque luogo promettente dal loro punto di vista. Costruiscono i loro nidi nelle grondai otturandole ben bene. Amano in modo particolare il centro storico che con rientri, anfratti, crepe e buchi offre abbondante possibilità di riparo ad un piccione in ricerca di casa. Il problema che comportano è, che i piccioni fanno letteralmente i loro sporchi comodi ovunque si posano. E siccome sono uccelli di una certa stazza le tracce del loro passaggio si trovano inequivocabilmente ovunque, nelle piazze, nelle strade, sui balconi, sui cornicioni, su monumenti e soprattutto sui tetti. E mentre è facile pulire quel che hanno lasciato in terra, non è così per i tetti. Sui tetti i loro escrementi si accumulano mese dopo mese, e anno dopo anno formando uno strato fitto e pesante. Siccome gli escrementi dei piccioni sono pure corrosivi recano danno alle tegole causando infiltrazioni d’acqua dai tetti.
Nella foto un esempio di quanto sopra detto: un signore anziano si è arrampicato sul tetto di casa sua e munito di spazzola e scopa lo pulisce dagli escrementi indesiderati. Ha già riempito alcuni sacchi (non tutti si vedono nella foto) ma ancora resta un bel po’ di tetto da pulire.
Buon lavoro!

Annunci

Feel free to comment in your language, we speak more than Italian!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...