Il gatto egiziano

Un gatto egiziano sul davanzale

Weekly Photo Challenge: Companionable
Quando ho visto questo splendido esemplare di gatto non ho esitato a fargli un ritratto. Sembrava sceso direttamente da uno degli affreschi nelle piramidi dell’Egitto. Gli egiziani ritenevano che i gatti fossero sacri e li allevavano già quattromila anni fa. E chi può dare torto agli egiziani?Notate gli occhi a mandorla di colore verde intenso e il disegno di scarabeo sulla testa del gatto. Mentre armeggiavo con la macchina fotografica mi teneva d’occhio ma senza scomporsi, mi faceva sapere nella sua regale compostezza che stava sul davanzale della finestra non certo per far’ un piacere a me ma per i fatti suoi che non mi riguardavano. Per tutto il tempo teneva le gambe anteriori fermamente puntate sul marmo con la coda disposta sopra, un gesto elegante che solo i gatti sanno fare. Il colore turchese dello sfondo aumenta la sensazione magica che emana dall’insieme. Il culto dei turchesi, pietre preziose tanto ricercati per il loro singolare colore, inizia proprio qualche migliaio di anni fa in Egitto.
Grazie micio, hai fatto la mia giornata!

Annunci

4 pensieri su “Il gatto egiziano

Feel free to comment in your language, we speak more than Italian!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...