Archivi categoria: Agosto

La Farfalla Bruno

Farfalla Bruno,  Satyrinae

Il nome scientifico della farfalla di oggi è Lasiommata megera. Appartiene alla famiglia delle Nymphalidae, e alla sottofamiglia Satyrinae.
Molto probabilmente si tratta di un maschio, le femmine sono, al solito, più pallide. Sta beatamente ad ali aperte per scaldarsi al sole ed ha scelto una bottiglia di plastica abbandonata nel prato per posarvici.
Come accade alla maggior parte delle farfalle che volano nella Valdarno anche questa farfalla non ha nome in italiano. L’ho chiamata Farfalla Bruno, perché Bruno corrisponde bene al nome che viene usato dagli inglesi e che è particolarmente indicativo. I Satyrinae, una sottofamiglia delle farfalle nobili (Nymphalidae) hanno in comune il colore bruno- arancione più o meno intenso. Perciò gli inglesi li chiamano “Browns”; la specie della foto di oggi “Wall Brown”. Per i tedeschi è il “Mauerfuchs” perché il suo colore, specie quello dei maschi, somiglia veramente da vicino a quello delle volpi.

Ancora Farfalla Pezzata

Farfalla Pezzata a ali chiuse
Ancora una Farfalla Pezzata, ma oggi ad ali chiuse. Probabilmente è della stessa specie della foto di ieri, cioè una Melitaea cinxia, ma femmina. Penso che sia una farfalla femmina perché i suoi colori sono più tenui rispetto alla farfalla della foto di ieri. Purtroppo si tratta di due farfalle fotografate in due momenti diversi, sebbene negli stessi giorni e in luoghi poco distanti tra loro nel comune di Figline nel Valdarno. Probabilmente i colori appaiono così chiari perché ho scattato contro luce mentre il maschio (?) di ieri era illuminato di sopra dal sole. Per poter determinare con sicurezza da delle foto di che farfalla si tratta, bisognerebbe che queste delicate creature collaborassero con la fotografa e si girassero da destra a sinistra ad ali chiuse, aspettando che io abbia scattato. Poi dovrebbero aprire ben bene le ali perché io possa riprendere anche il loro lato interno.
Figuriamoci!
Fotografare delle farfalle è soprattutto questione di fortuna. Inoltre ci vuole parecchia pazienza.

La Farfalla Pezzata

La Farfalla Pezzata
La farfalla della foto di oggi è sicuramente una qualche Melitaenina, forse una Melitaea cinxia, maschio, famiglia Nymphalidae. Ma per essere veramente sicura bisognerebbe poter vedere anche il lato esterno delle ali. Purtroppo le farfalle come modelle non sono per niente disposte a collaborare con chi li fotografa: sul più bello tendono a scappare via velocemente. Di certo non mi permettono di girare intorno per vedere anche l’altro lato delle ali. Sono parecchio sospettose le farfalle; credo che abbiano paura della mia macchina fotografica perché è nera e quindi secondo loro potrebbe essere un grosso uccello alla ricerca di cibo.
Il colore intenso del lato interno delle ali fa pensare che si tratti di un maschio perché le femmine di questa specie sono più sbiadite. Ma per essere veramente sicuri bisognerebbe uccidere la farfalla e esaminarla sotto il microscopio. Ovviamente preferisco tenermi il dubbio sul nome esatto. Potrebbe pure essere una Melitaea asteria, una Melitaea aurelia, una Melitaea britomartis, una Melitaea diamina, una Melitaea varia, oppure qualche altra specie di Melitaeinae.
Come più spesso che no anche la farfalla di oggi non ha nome italiano, che io sappia. Ma i tedeschi chiamano le Melitaeinae, che sono una sottofamiglia delle Nymphalidae con una parola che mi sembra ben azzeccata: Scheckenfalter. Vuol dire Farfalla Pezzata in italiano. Gli inglesi li chiamano Fritillary.

Polygonia c-album, Farfalla-C

Polygonia c-album, Farfalla C
La farfalla di oggi si chiama Polygonia c-album con nome scientifico ed è della famiglia delle Nymphalidae.
È una farfalla facile da riconoscere anche in volo, sia con ali chiuse, sia con ali aperte perché la sagoma delle ali è frastagliata in modo assai caratteristico. L’interno delle ali è di un bel colore arancione intenso con disegni marroni, mentre l’esterno è scuro permettendo un perfetto mimetismo quando la Polygonia c-album si posa in terra. Inoltre ha un segno bianco sull’esterno delle ali inferiori (ben visibile nella foto) che secondo gli inglesi somiglia a una virgola; quindi gli inglesi la chiamano “Comma” butterfly. Il medesimo segno bianco ai tedeschi invece sembra una C, perciò il nome “C-Falter” in tedesco. I francesi invece considerano la sagoma ad ali aperte che francamente ricorda un po’ dei mostri e la chiamano “Robert-le-Diable”. Comunque sia la bella farfalla della foto di oggi raggiunge la considerevole apertura alare di circa 5 centimetri.

La Farfalla Colibrì

Una farfalla colibri a pranzo

La Farfalla Colibrì (Macroglossum stellatarum) è un insetto della famiglia dei Sphingidae conosciuto anche col nome Farfalla Sfinge, o anche Sfinge Colibrì. Insomma questa farfalla buffa che sembra un colibrì ha talmente ispirato gli italiani da ricevere ben tre nomi.
Vola non solo di giorno ma anche nel tramonto e si posa per riposare solo al buio, ben nascosta dalla vegetazione. Vola perfino con la pioggia, comportamento raro nelle farfalle.
Gli adulti delle sfingi sono considerati i migliori volatori fra i le farfalle: la robusta muscolatura toracica permette loro di avere un battito d’ali velocissimo, in grado di consentirgli movimenti scattanti ed un volo rapido; possono raggiungere i 50 km orari. Una caratteristica della farfalla colibrì è il modo di succhiare il nettare librandosi in aria immobile davanti al fiore (esattamente come il colibrì) battendo le ali 70 – 90 volte al secondo e lanciando la lunga proboscide al volo nel calice del fiore. Le farfalle colibri sono tra i pochi insetti capaci perfino di fare retromarcia mentre in volo.
Sono facilmente osservabili in giardini, parchi e prati dove crescono le piante su cui si alimentano. Proprio stamani ho osservato una sul prato in via Guinelli dove attualmente sono in fiore tantissime cicorie. Facilmente vengono anche a visitare i balconi cittadini se ci sono abbastanza fiori di loro gradimento.

La Cedronella

Cedronella una farfalla gialla
La farfalla della foto di oggi ha un nome italiano, si chiama Cedronella. Il nome è senz’altro ispirato al colore della farfalla che nel caso di un maschio è di un bel colore giallo brillante. Le farfalle femmine della specie sono più pallide e il loro colore vira al verdolino. I tedeschi invece pensano piuttosto ai limoni e chiamano la farfalla “Zitronenfalter”. Secondo gli inglesi invece il giallo è quello dello zolfo e loro chiamano questa specie “Brimstone”; brimstone è un sinonimo di zolfo.
Il nome scientifico della Cedronella è Gonepteryx rhamni, famiglia Pieridae.
Le Cedronella sono tra le farfalle più longeve che esistono: infatti sono capaci di compiere ben 13 mesi di vita! È vero che passano alcuni di questi mesi in letargo invernale, ma non è raro poterle osservare già verso la fine di gennaio nelle giornate soleggiate. Basta fare il giro delle antiche mura di Figline e nella zona ben esposta a sud li trovo regolarmente alla ricerca di qualche fiore precoce fonte di nettare. Infatti a loro piace svernare nascoste e protette nelle grosse piante di edera che si arrampicano su per le mura di Figline nel Valdarno.

Il Grande Skipper

Farfalla Ochlodes sylvanus
La foto di oggi figura una farfalla che gli inglesi giustamente chiamano Grande Skipper. Il nome sta così bene a questa specie di farfalle che ho deciso di adottarlo anche in italiano. Il Grande Skipper appartiene alla famiglia degli Skipper (Hesperiidae) che si chiamano così a causa del loro modo di volare a salti. I tedeschi assai meno poeticamente chiamano queste creature Dickkopffalter, cioè farfalle dalla testa grossa, perché in effetti la loro testa è grossa se paragonato a quello di altre farfalle.
Il nome scientifico della farfalla nella foto è Ochlodes sylvanus.
Ho potuto fotografare questa farfalla allegra che se la spassa su un fiore di pisello odoroso con molto comodo nella terra di nessuno che si estende davanti alla nuova COOP di Figline. Infatti accanto al posteggio della COOP c’è una striscia di terra dove l’erba non viene falciata, né ci vengono effettuati altri interventi che io abbia potuto osservare. Quindi si è formato un bel pratone nel quale tanti farfalle e api trovano il loro habitat.