Archivi tag: chiesa

Santa Lucia

Luci e ombre a Figline

La chiesa cristiana dedica il giorno di oggi a Santa Lucia; la santa viene venerata non solo in tutta l’Italia ma è molto poppare anche in giro per il mondo. Come già il nome implica Santa Lucia si occupa dei nostri occhi perché ci possiamo percepire la luce, e quindi per relazione, anche della fotografia che è la scrittura con la luce. Quindi a lei vorrei dedicare la foto di oggi, peraltro scattata poche ore fa in un angolo del centro storico di Figline.
“Santa Lucia il giorno più corto che ci sia”, recita il detto popolare. Tutti sappiamo che il tredici di dicembre non è il giorno più corto, ma bensì il ventuno, solstizio d’inverno. Ma screditare un detto popolare è difficile e in fondo neanche necessario. Certo è che anche il giorno tredicesimo di dicembre è parecchio corto e il sole sparisce praticamente già a metà pomeriggio. Ma prima di tramontare fa dei giochi di luci e ombre come quello che sono riuscita a riprendere. Effetti come questi durano pochi minuti e ovviamente accadono solo se la giornata è chiara e piena di sole, quindi bisogna avere la macchina fotografica pronta e trovarsi sul luogo. Addirittura un raggio di luce illumina lo specchio rotondo che riprende alla perfezione il nuovo palazzo comunale con la sua torre invadente e troppo alta per il contesto storico in cui si colloca.

Annunci

Visita guidata

Vlisita guidata alla chiesa di San Francesco
A Figline abbiamo una delle più antiche chiese francescane che esistono in Italia fondata da frati francescani che avevano studiato e lavorato con Francesco stesso. La chiesa ha un bellissimo cortile molto ben tenuto e durante la stagione bella viene spesso usato per manifestazioni di natura culturale o musicale. Dopo una di queste manifestazioni agli ascoltatori è stato pure offerto una visita guidata alla chiesa e alla parte aperta al pubblico del convento. Sia il concerto, sia la visita guidata furono ricevuti con entusiasmo dal pubblico.

San Francesco e quattro torri

la chiesa di San Francesco e quattro torri
La chiesa di San Francesco situata nella piazza omonima, è forse la più antica di Figline, di sicuro fu fondata da frati che erano stati con il santo di Assisi. San Francesco è passato più volte per il Valdarno essendo questo la via più ovvia per recarsi da Assisi alla Verna e viceversa. Infatti dappertutto si trovano tracce della venerazione che la popolazione locale ha per questo santo straordinario.
Ma non questo voglio far vedere oggi, bensì le quattro torri che durante l’estate si raggruppano intorno alla facciata della chiesa di San Francesco. A sinistra c’è il campanile della cappella della Misericordia e a destra il campanile della chiesa stessa. Sullo sfondo si vede in tutta la sua gloria la torre che l’attuale amministrazione ha voluto piazzare nel terreno delle vecchie scuole Lambruschini. La quarta torre è quella del Palazzo Pretorio che nella foto non si può vedere. Ma in questo periodo dell’anno, e solo per pochi minuti ogni giorno, la sua ombra si proietta sulla facciata della chiesa all’ora del tramonto.

Cavallo in divieto di sosta

un cavallo in divieto di sosta
Figline nel Valdarno è diviso in contrade che prendono i nomi delle antiche porte che permettevano la comunicazione tra il comune e l’esterno quando ancora le antiche mura della città avevano una funzione difensiva. È tradizione che ogni contrada organizza una festa ogni anno. Ora è il turno di porta senese che ha allestito una zona di mercatino e gastronomia lungo il cassero. Ma la domenica mattina i contradaioli hanno portato alla Collegiata i bambini nati negli ultimi mesi per farli battezzare. Uno dei contradaioli ha ben pensato di arrivarci alla cerimonia a cavallo e lo ha posteggiato davanti all’ingresso della chiesa legandolo a un pilastro e ignorando il divieto di sosta che vige in questo posto.
Il cavallo si è comportato benissimo e ha aspettato tutto il tempo in modo composto nonostante che numerose persone di passaggio lo toccassero.
Vigili a fare la multa non si sono visti.

Giovane zingara

zingara-giovane
Il portale della Collegiata, la chiesa più importante di Figline nel Valdarno, è un posto ambito da parte di chi chiede l’elemosina, per ovvii motivi. Il costante passaggio di fedeli garantisce un buon incasso. Oggi il posto è stato conquistato da una giovane zingara che spesso viene a Figline con un treno in tarda mattinata. Ma a differenza del suo solito non è vestita con il suo costume tradizionale ma in modo occidentale. Infatti indossa una tuta da ginnastica!

Pulizie in chiesa

Pulizie nella chiesa della Collegiata

Siccome la chiesa cattolica è in questi giorni al centro dell’interesse di tutto il mondo, sebbene per motivi che nulla hanno a che vedere con Figline Valdarno, ho pensato di mettere una foto che fa vedere una delle chiese di Figline dal suo interno. Si tratta della Collegiata in piazza Marsilio Ficino, la chiesa principale di Figline. Il portone era ben spalancato per far entrare aria e luce. Tutte le panchine erano stato capovolte e messe in fila per lasciare il pavimento della chiesa più sgombero possibile. Un uomo passava su e giù spingendo una macchina lavapavimenti davanti a sé.
La luce che entrava dal portone mi ha permesso di scattare delle foto anche se l’uomo addetto alla macchina è venuto parecchio mosso. Si muoveva troppo speditamente!