Archivi tag: muro

Due piccioni sul muro

Due piccioni sul muro di cinta di Figline
In questi giorni sul Valdarno si sono abbattute piogge parecchio abbondanti e di conseguenza alcuni torrenti sono usciti dai loro letti e hanno invaso strade, cantine e i piano terra delle case. I danno sono ingenti.
I piccioni che sempre più numerosi vivono sui tetti antichi di Figline hanno sofferto anche loro. I loro piumaggi erano zuppi d’acqua. Però oggi ci sono state alcune ore di bel tempo e due piccioni si approfittano sopra le antiche mura per asciugarsi al sole. Si sono collocati uno di fronte all’altro con la torre del Palazzo Pretorio nel bel mezzo.

Annunci

Sottopasso pedonale

Sottopasso pedonale in fondo ai via Pampaloni

Il territorio comunale di Figline nel Valdarno è tagliato in due dalla barriera invalicabile della ferrovia che corre parallela al fiume Arno. Per rendere ancora più solida questa barriera che corre dal nord al sud e viceversa, le ferrovie hanno eretto dei orribili muri di cemento su ambo i lati del tracciato ferroviario. Quindi ora anche visivamente l’impatto esteticamente negativo con le ferrovie è garantito.
Come se non bastassero i continui disservizi dei quali soffrono tutti coloro che sono costretti a fare i pendolari nel Valdarno.
Comunque la tratta ferroviaria è bucata da numerosi sottopassi che facilitano la comunicazione tra le due parti del paese. Il più di questi sottopassi è molto stretto e basso e permette a malapena i passaggio di una bici. Tutti quanti questi passi versano in cattive condizioni di manutenzione, buche in terra e muri sbrecciati sono la regola. Inoltre ovunque è possibile applicare del colore alle pareti si esprimono gli aspirati artisti di Figline con risultati quasi sempre molto dubbi, per usare una parola gentile. Scritte a sfondo politico e sessuale nonché parolacce abbondano.
Nella foto di oggi vedete uno dei più luminosi questi cunicoli di cui gli abitanti di Figline si devono servire. Si trova in fondo a via Bianca Pampaloni.

Graffiti stratificati

Graffiti stratificati sulla facciata dello spedale Serristori
Quello che vedete nella foto è una delle due facciate laterali dello Spedale Serristori. Lo Spedale chiude verso il nord la piazza Marsilio Ficino, quindi siamo nel pieno centro storico di Figline nel Valdarno. Come si può notare la facciata avrebbe bisogno di un restauro perché in basso è parecchio sciupato e malmesso. Ma questo non ha scoraggiato una serie di tagger detti anche writer, o graffitari in italiano, di usare questo spazio per lasciare traccia del loro passaggio. Osservando la sovrapposizione dei colori è possibile distinguere ben tre mani diverse che si sono aggiunte nel tempo.

  • All’inizio ci fu la stella rossa a cinque punte.
  • Segue un tale che firma in nero con il nume Magico Daniele e cancella la stella rossa.
  • Poi passa un abitante di Pisa con una bomboletta di spray a rilievo, colore rosa, e ci lascia un bel GAO!, tipico intercalare tra i pisani.

Colori caldi

Panni di colori caldi stesi alle finestre
A Figline usa stendere i panni fuori dalle finestre. A questo scopo ci sono dei ganci fissati nei muri, spesso antichi, che finiscono in delle rotelle che a loro volta fanno scorrere i fili da una finestra all’altra offrendo così molti metri di lunghezza per stendere i panni da asciugare. Un altro sistema che si può osservare consiste nel montare di sotto le finestre uno stendipanni a più fili. Nella foto di oggi potete osservare la seconda soluzione. Trovo notevole il senso di colore della padrona di casa che ha accostato sapientemente dei panni a colori caldi sui fili in alto mentre sui fili di sotto ha sistemato alcuni panni assai più piccoli di colore complementare che però rendono l’insieme interessante all’occhio. Il muro di pietre naturali e cotto di un bel colorito caldo e le persiane dipinte di verde completano perfettamente l’armonia.