Archivi tag: passerella

La passerella ciclo-pedonale

Passerella ciclo-pedonale tra Figline e Matassino
A Figline abbiamo un ponte molto importante per la viabilità della vallata e non solo. Ma il ponte è vecchio e soprattutto troppo stretto per reggere il traffico che ogni giorno ci si riversa per molte ore. Inoltre è pure male collegato con le strade d’accesso per quanto riguarda i pedoni e i ciclisti. Su ambedue i lati della strada di accesso al ponte ci sono tratti dove manca qualsiasi cenno di marciapiede e i pedoni, che sono numerosi, sono costretti a camminare sul ciglio scosceso della strada invaso perennemente da erbacce. Non stanno meglio i ciclisti, molto numerosi anche loro, che sono costretti a pedalare in mezzo al traffico intenso di macchine. Il marciapiede sul ponte stesso è talmente stretto da non permettere l’incontro di due persone; una deve per forza scendere sulla strada. Quindi la posa in opera di una passerella per ciclisti e pedoni faceva ben sperare in un miglioramento della situazione e in un po’ di più di sicurezza.
Purtroppo l’opera è stata pensata male ed eseguita peggio, un vero spreco di soldi pubblici.
Nonostante i disagi e pericoli che pedoni e ciclisti sono costretti a sopportare per attraversare il ponte, la gran massa di loro preferisce evitare la passerella. Ho dovuto aspettare mezz’ora buona perché finalmente qualcuno la usasse e io potessi illustrate la sua triste inutilità. Notate quant’è stretta! Cosa succede se due ciclisti si dovessero incontrare, oppure se un ciclista incontra una mamma che spinge un passeggino?
Uno dei due dovrebbe fare marcia indietro.

Annunci

Degrado urbano

Degrado urbano a Figline

Anche a Figline abbiamo delle zone nel contesto urbano che sono fortemente degradate. La peggiore secondo me è la passerella che congiunge la piazza davanti alla stazione con il posteggio vastissimo allo stadio. Questa passerella fu costruita pochi anni fa, concepita male e realizzata peggio. C’è sporcizia di ogni tipo sui muri e per terra. Percorrendola anche in piena luce del giorno dà un senso di abbandono e desolazione; non la userei mai di notte e non solo perché durante ripetuti attacchi vandalici è stata distrutta l’illuminazione lungo il percorso.
Tanto più è sorprendente vedere un signore anziano che cammina tenendo in mano una lattina vuota di birra, evidentemente cerca di arrivare alla fine della passerella per trovare un cestino nel quale gettare la lattina.

Graffiti, metamorfosi

Metamorfosi dei graffiti

Nel mese di giugno ho pubblicato la foto di uno dei rari graffiti a Figline che mostrano un po’ di creatività. Era firmato “Mare” e l’autore ci faceva sapere che l’opera si chiama “Sogno”. Purtroppo la gran massa dei graffitati di Figline sono privi di qualsiasi guizzo di talento e si limitano a imbrattare i muri.
Passando l’altro giorno per la passerella lungo la ferrovia che ospita il graffito che avevo notato a giugno ho dovuto vedere come qualcuno di questi ragazzi che invece di graffitati sarebbe meglio definire vandali, ha distrutto l’opera di Mare. Ne è rimasto solo la firma e il nome dell’opera. Quindi oltre al danno pure la beffa. Chi non ha visto l’opera originale che si nasconde sotto l’attuale bruttura, deve pensare che Mare sia il solito vandalo senza alcun talento.
Peccato.