Archivi tag: Porta Aretina

Figline restaura

Una vecchia casa a Figline viene restaurata
Siamo nei pressi del luogo dove una volta porta aretina dava accesso a Figline a tutti coloro che arrivavano appunto da Arezzo. Oggi è un incrocio di ben sei strade e una piazzetta alquanto infelice. Ma il tutto è circondato da palazzi di vecchia costruzione e nel insieme l’aspetto del luogo è gradevole e ci prepara all’aspetto più antico di Figline dentro le mura. Da alcune settimane uno dei palazzi è in fase di profondo restauro. Dopo dei lavori sul tetto ora gli operai mettono mano alla facciata.

Annunci

Bar Cuccoli

Il bar Cuccoli a Figline
Fatto pochi passi dopo essere usciti fuori dalle mura nel punto dove una volta c’era porta Aretina vi trovate sul lato destro della strada una delle istituzioni di Figline: il bar Cuccoli. È il bar più conosciuto di Figline perché gode di privilegi insoliti. È dotato di ampie possibilità di posteggio nei suoi dintorni e quindi facilmente raggiungibile in macchina, cosa che è negato ai bar, pur buonissimi, che si trovano nel centro. Inoltre a causa della suo posizione angolare è ben illuminato di luce naturale e ben ventilato. I prodotti del Cuccoli sono di buona qualità e il servizio è gentile e rapido. Non appena aperto la mattina il bar è meta di sosta di un gran numero di persone che non hanno possibilità o voglia di fare colazione in casa. Quando si esaurisce questo fiume di persone viene sostituito da tutti quelli che hanno voglia di uno spuntino a metà mattinata. E così via per tutto il giorno fino alla chiusura.

Figline, Corso Mazzini

Corso Mazzini a Figline Valdarno
Corso Mazzini, una delle strade principali di Figline Valdarno, conduce dalla Piazza Marsilio Ficino verso sud. Termina nel luogo dove si trovava la Porta Arentina che fu smontata alla fine dell’Ottocento per dare sfogo alla voglia dei figlinesi di uscire dalle antiche mura. Il Corso fino a pochi anni fa era sede delle più prestigiosi attività commerciali della città e i cittadini ci passeggiavano anche solo per godersi le vetrine e le belle cose esposte. Le case che fiancheggiano il Corso sono tutte databili al Cinquecento e magari più indietro, formano un insieme molto pittoresco che numerosi turisti apprezzano ogni anno.
Purtroppo sono manifesti i segni del lento ma inarrestabile degrado che affligge molti centri storici in Italia. I storici negozi chiudono uno dietro all’altro e non vengono sostituite da nuove attività. Case sono in vendita e non trovano acquirente. Nessuno ci passeggia più per il piacere di passeggiare. La foto scattata di martedì mattina, che è pure giornata di mercato a Figline, illustra bene la situazione.