Archivi tag: ragazzi

Chi sale e chi scende

Alcuni giovani salgono e scendono le scale alla stazione a Figline
Guardando la foto mi vengono in mente dei versi della Divina Commedia, dal canto diciassettesimo del Paradiso di Dante Alighieri.

Tu proverai sì come sa di sale
lo pane altrui, e come è duro calle
lo scendere e ‘l salir per l’altrui scale.

Ma per loro fortuna i giovani sono semplicemente degli scolari pendolari che usufruiscono della stazione di Figline.

Annunci

Tre campioni alla conquista del mondo

Tre campioni partono alla conquista del mondo
Per un bel po’ di tempo questi tre ragazzi campioni hanno giocato nel garage sottoterra. Penso che si trattasse di una specie di golf perché il gioco consisteva nel tirare botte a una bottiglia di plastica con un bastone. E a quanto ho capito la bottiglia doveva colpire il portone di uno dei box. Facevano a turno in quanto la bottiglia era una sola e si divertivano quanto solo a quell’età si è capaci di divertirsi.
Ad un certo punto però hanno deciso di abbandonare il garage e di salire in superficie e conquistarsi altri terreni di gioco. Era il momento di fare una foto in quanto la luce che giungeva dallo scivolo me lo permetteva; purtroppo finché giocavano dentro il garage l’illuminazione non bastava per degli scatti.

Graffiti

Graffiti firmati Mare
I graffitari di Figline non si distinguono per fantasia o creatività. Per lo più si limitano a imbrattare i muri con roboranti dichiarazioni del tipo “Valeria ti amo”, o “Morte ai fascisti”. In verità più che di graffitari si tratta di vandali che agiscono indisturbati muniti di bombolette spray di solito neri o rossi. Anche nella scelta dei colori mostrano totale assenza di senso artistico.
Eccezione fanno i muri della passerella pedonale lungo la ferrovia che va dalla stazione al posteggio vicino allo stadio. I muri sono di recente costruzione e di varia altezza. Lì si può ammirare cosa hanno capito i giovani e aspirati artisti di Figline del movimento globale dei writer detto anche tagger. Non vorrei essere troppo severa, ma per ora il livello delle opere che si trovano lungo la ferrovia non è molto alto. Inoltre i teppisti di cui sopra non esitano di sciupare le opere pittoriche con i loro scarabocchi che non sono nemmeno spiritosi.
L’esempio secondo me più interessante si trova sul muro alto all’uscita verso il posteggio. Raffigura un volto completo di titolo e firma del artista, come si può vedere nella foto.

Pallone in Piazza Ficino

Casa dipinta con pallone che vola alto

Il cuore antico di Figline nel Valdarno è una bella piazza ampia e circondata da edifici di interesse storico e artistico. È intitolata a Marsilio Ficino che è nato e cresciuto qui a Figline. Tra gli edifici introno alla piazza spiccano alcuni esempi di case dipinte che documentano la notevole maestria degli artigiani locali di generazioni passate. Nella foto c’è l’esempio di una facciata interamente dipinta e particolarmente ben conservata.
Da notare pure il pallone che vola a altezza notevole!
Purtroppo con una decisione non ben ponderata nelle sue conseguenze fu istituita una zona blu nella piazza. Ma si badi bene, non tutta la piazza fu chiusa al traffico, come auspicabile, tipo Piazza Duomo a Firenze, bensì solo la parte centrale di essa. I due lati rimasero aperti al traffico e sono, di fatto, ridotti a posteggio impedendo la vista dei due monumenti più interessanti, la Collegiata e lo Spedale Serristori. Il centro della piazza, ora libero da traffico, fu rapidamente invaso da ragazzi che fanno gare di ciclismo, giocano a pallone, e comunque compiono atti di vandalismo come rompere le fioriere davanti ai negozi.